Skip to content

UNIDEV.INFO

Unidev.info

Normativa scarico fumi caldaie a gas


Dal , con la legge 90, tutti gli. Normativa vigente nel (legge 90/ e Dlgs / agg. legge /​) su canne fumarie e scarichi a parete, caldaie a condensazione e tradizionali, a camera aperta (classe B1) soltanto se disponibile uno scarico fumi in canne la normativa sull'installazione delle caldaie a gas ed in particolare sull'obbligo. Distanze minime scarichi a parete dei fumi della caldaia da balconi e finestre. legge scarico a parete di caldaie e scaldabagno a gas per distanze minime da Per questo motivo, la normativa UNI ha esplicitato tutte le. Lo scarico a parete con caldaia a condensazione è possibile, nel rispetto Come anticipato, la normativa vigente (Legge 90/, articolo 17 bis e Se acquisti una caldaia a gas a condensazione con basse emissioni NOx, la canna fumaria a tetto, lo scarico dei fumi a parete è una soluzione possibile. La normativa vigente in materia di scarico fumi è regolata dalla legge n. composti da almeno una caldaia a condensazione a gas e da una.

Nome: normativa scarico fumi caldaie a gas
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 58.33 MB

Normativa scarico fumi caldaie a gas

DPR n. Premesso che la norma UNI tratta apparecchi di potenza termica inferiore a 35 Kw e che la norma UNI prevede lo scarico in parete per apparecchi di potenza compresa tra 35 e 70 Kw, il richiamo della sola UNI nega la possibilità di poter installare a parete apparecchi con potenza maggiore di 35 Kw. Gli impianti termici installati successivamente al 31 agosto devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente.

E' possibile derogare a quanto stabilito dal comma 9 nei casi in cui: a si procede, anche nell'ambito di una riqualificazione energetica dell'impianto termico, alla sostituzione di generatori di calore individuali che risultano installati in data antecedente a quella di cui al comma 9, con scarico a parete o in canna collettiva ramificata; b l'adempimento dell'obbligo di cui al comma 9 risulta incompatibile con norme di tutela degli edifici oggetto dell'intervento, adottate a livello nazionale, regionale o comunale; c il progettista attesta e assevera l'impossibilita' tecnica a realizzare lo sbocco sopra il colmo del tetto.

Per accedere alle deroghe previste al comma 9-bis, e' obbligatorio: i. I comuni adeguano i propri regolamenti alle disposizioni di cui ai commi 9, 9-bis e 9-ter.

Nel nuovo testo di legge non si ritrova più la possibilità delle disposizioni legislative locali più severe e restrittive, per cui la norma dovrà essere attuata nello stesso modo e senza eccezioni su tutto il territorio nazionale. Quelle che sono penalizzate dalla normativa sono tutte le caldaie tradizionali non a condensazione , infatti tutte le vecchie deroghe ed eccezioni all'obbligo della canna fumaria"ex.

Attualmente, se la caldaia è a camera aperta, camera stagna, tiraggio naturale, tiraggio forzato, turbo, a gas, a gasolio, a pellet, a legna, ecc.

Per comprendere meglio: le caratteristiche di basso inquinamento Classe NOx delle caldaie a condensazione e il posizionamento dello scarico fumi nel rispetto della norma tecnica UNI , consigliamo di leggere il vecchio articolo riportato di seguito.

Per leggere la normativa sempre aggiornata cerca " D. In base al tipo di impianto, centralizzato o autonomo, sul tetto o sulle pareti esterne del condominio saranno visibili uno o più comignoli o uno o più sfiati. La funzione della canna fumaria è trasportare i fumi prodotti dalla combustione della caldaia lontano da finestre e aperture.

Scarico fumi a parete in condominio: normativa caldaie domestiche La normativa attualmente vigente, il D. Vediamo i principali casi. Non è possibile scaricare sul tetto, ed è quindi possibile scaricare a parete, se: si sostituisce una caldaia che gi scaricava a parete si sostituisce una caldaia a camera aperta che scaricava in canna fumaria collettiva ramificata un tecnico abilitato valuta che, per motivi tecnici, non è possibile raggiungere il tetto si installa una caldaia a condensazione in un condominio la cui canna fumaria comune non sia predisposta a questa tipologia di caldaia si installa un sistema ibrido composto da almeno una caldaia a condensazione a gas e da una pompa di calore con specifiche caratteristiche Il punto 4 è particolarmente rivelante dato che ormai, per normativa, sono prodotte solo caldaie a condensazione e che è molto facile che la canna fumaria condominiale non sia costruita con materiali idonei al passaggio dei fumi di questo particolare tipo di caldaia.